La grotta dei partigiani sulla Valle del Fiastrone

foto del giorno

“Se sei in cerca di angeli o in fuga dai demoni, vai in montagna”. (J. Rasley)

Milioni di anni il torrente Fiastrone cercò di crearsi un varco tra le locali catene montuose e con la veemenza e l’impetuosità delle sue acque riuscì a formare la magnifica valle che da esso prende nome, ed una serie di grotte. Oggi siamo nella Grotta dei Partigiani, così chiamata perché nell’ultimo conflitto, vi hanno trovato riparo e rifugio gli uomini della resistenza dei paesini limitrofi. Arrivarci è un po’ avventuroso poiché si trova a strapiombo sulla valle e, ad un certo punto, si è anche costretti a percorrere un breve tratto stretto e molto esposto: in questa fase è bene aggrapparsi ad una fune di acciaio agganciata alla roccia.

In questa foto ho cercato di estrarre dall’obiettivo tutta l’emozione che si prova dall’interno della grotta nel volgere lo sguardo verso la luce esteriore. Il contrasto luce-oscurità era molto accentuato e certamente non mi trovavo in una posizione comoda. Nonostante questo dopo diversi tentativi sono riuscito a scattare la foto nel modo più corretto che potevo in relazione alla situazione e alle variabili dell’ambiente.
Firma-Gianluca-Storani-150px
 
 


Luogo: Valle del Fiastrone
Data di acquisizione: 29 Luglio 2015
Condiviso su: Facebook, Instagram, Flickr, Twitter, Google +, 500px

La Grotta dei Partigiani nella valle del Fiastrone - Gianluca Storani Photography
Dettagli tecnici: ISO800 18mm f16 1/6″
ID: 1-3944


[maggiori_informazioni]


Condividi:

Articoli simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *