| 

Pievefavera oltre i confini del giorno

 
quoteSiamo rocce e rocce resteremo.
.cit

 

Ognuno di noi conserva nel proprio cuore dei luoghi speciali che per un motivo o per l’altro sono entrati a far parte di noi e dei nostri ricordi. Così, dopo le forti scosse di terremoto dell’ottobre scorso il mio pensiero è volato quasi subito a Pievefavera, un piccolissimo e incantevole borgo che sorge sopra al Lago di Caccamo, che ho avuto la fortuna di visitare l’estate scorsa, ammirandolo in tutto il suo splendore.

Per giorni e settimane mi sono domandato quanti danni il sisma avesse procurato a quel gioiellino di rara bellezza. Poi l’altra sera parlando con alcuni conoscenti ho scoperto che il paesino si è quasi del tutto salvato e che poco o nulla è andato distrutto. La motivazione? È stato costruito sulla roccia. Una bellissima notizia in mezzo a tanto dispiacere, un luogo da visitare anche simbolicamente e non solo per la bellezza che emana ma anche perché sembra rappresentare la speranza che vince sulla distruzione.

In questa foto il “presepe” di Pievefavera, mentre scende la notte e la luna lo osserva silenziosa dall’alto.

Firma-Gianluca-Storani-150px
 
 


Pievefavera oltre i confini del giorno

Data: 15 Novembre 2015
Luogo: Pievefavera
Pievefavera oltre i confini del giorno - Gianluca Storani Photo Art (ID: 1-8887)

[maggiori_informazioni]

[social]

[stampa]

[promo_lmnc_post2]

[promo_ipdm_post2]

[servizi]

[newsletter]

Condividi:

Articoli simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *