Il Mare Adriatico e il seminario Redemptoris Mater di Macerata

I mari sono la prova tangibile che Dio ha pianto della sua creazione. Paul Fort Quando davanti ai miei occhi si dischiudono gli orizzonti delle Marche spesso rimango allibito da quanta meraviglia riesca ad esistere in un lembo di terra così relativamente piccolo. Eppure ogni volta è una meraviglia e non importa se a destare…

La Cattedrale di San Ciriaco dal Porto Antico di Ancona

C’era un presagio di pioggia nel vento, folate lievi che le soffiavano in faccia, e lontano, in mare, la sirena di una nave Margaret Forster   Ancona non è soltanto il capoluogo della Regione Marche, ma una città che custodisce dentro di sé innumerevoli meraviglie che si alternano tra la terra e il mare. L’ho…

Il Santuario di Macereto, per esistere e resistere dal sisma

“Da un certo punto in avanti non c’è più modo di tornare indietro. E’ quello il punto a cui bisogna arrivare.” (Franz Kafka)   A volte la vita ti cade addosso e si dimentica di avvisare. Cambiamenti che mai avresti previsto si manifestano bruscamente lasciandoti impietrito e disarmato. In quei momenti è come se tutto…

Buon Natale 2016 dal Santuario di Loreto

“Notte di Stelle, notte d’Amore – nasce Cristo Signore.” (Frate Indovino)     Qualche giorno fa mentre mi trovavo a Loreto riflettevo sul perché il Signore abbia deciso di nascere proprio in inverno. Domanda curiosa. Tutto sommato poteva scegliere una stagione dell’anno molto più calda e confortevole per venire al mondo, chessò in primavera o…

La chiesa di Villa Sant’Antonio di Visso

Anche nel buio più fitto c’è sempre una luce, una fiammella di speranza in fondo al cuore con la quale ripartire. .cit Dopo il terribile cataclisma che ha messo in ginocchio l’alto maceratese, ho pensato a lungo a come poter essere utile alla causa di questo faticosissimo post-sisma. Oltre a ricostruire fisicamente tutto, possibilmente con…

 | 

L’Abbazia di Fiastra tra gli alberi del cortile

In questa valle così piena di uomini, dove nessuno era ozioso e tutti lavoravano e si applicavano a qualche opera, si trovava nel mezzo del giorno un silenzio simile a quello che c’è nel mezzo della notte, interrotto solamente dai lavori manuali o dalle voci dei confratelli che cantavano le lodi di Dio. (Guglielmo di…