Il San Vicino, un monte magico e mutevole alla vista

 
quoteV come vulcano e mille altre cose.
F. Michielin

 

L’avete riconosciuto, vero? Lui è l’inconfondibile Monte San Vicino che a seconda da dove lo si guardi, cambia aspetto: piramidale dal matelicese, trapezoidale dall’anconitano, e a forma di gobba di cammello o se vogliamo di vulcano dal maceratese. Questa sua sorprendente e particolare capacità di mutamento ha certamente contribuito in epoche antiche ad assegnare alla montagna un’aurea di sacralità, rafforzata anche da vari ritrovamenti archeologici che sembrerebbero confermare questa tesi.

Mutamento è anche la caratteristica del nome stesso della montagna: per la Chiesa infatti non è mai esistito nella storia alcun santo con quel nome. Da dove deriva allora San Vicino? Sulla sua etimologia e su mille altre cose, di questo nostro amato e misterioso massiccio, tornerò presto con nuovi testi ed immagini.

Firma-Gianluca-Storani-150px
 
 


Il “vulcano” San Vicino visto dal versante maceratese

Data: Settembre 2017
Luogo: Provincia di Macerata
V come Vicino - Gianluca Storani Photo Art (ID: 4-3528)

© 2015 - 2018 Gianluca Storani Photo Art - Storie, immagini, emozioni.
Puoi condividere l'opera fotografica (e letteraria) così com'è ma in nessun caso puoi modificarla senza il consenso dell'autore. Per utilizzarla a scopo commerciale o pubblicitario contattami senza impegno. Per maggiori informazioni leggi copyright e condizioni di utilizzo.

Scopri il mio libro Le Marche nel cuore
Fotoracconto della terra maceratese che resiste.

Scopri il mio libro Macerata e i paesaggi delle Marche
Un viaggio affascinante nelle meraviglie delle Marche.

Commenta