La statua lignea di San Giuliano l’Ospitaliere

Hoc est brachium Sancti Iuliani qui patrem et matrem interfecit.»

CIT.

San Giuliano l’Ospitaliere è il patrono della città di Macerata che lo festeggia il 31 Agosto di ogni anno. La leggenda del Santo, narra di nobiluomo di origine belga che infelicemente uccise i suoi genitori, e che dopo anni di traversie logorato dal dolore, si fermò sulle rive del fiume Potenza, ai margini di una città morta, Helvia Recina, e ai piedi di una nascente, Macerata, per traghettare da una sponda all’altra viandanti e pellegrini. Proprio grazie a questa sua dedizione verso il prossimo, e ad una condotta di pentimento e penitenza, espiò infine le sue colpe ricevendo il perdono di Dio, attraverso le parole e la figura di un angelo che si manifestò nelle sembianze di un lebbroso. I miei concittadini dopo la sua morte decisero di elevarlo a protettore della città (Macerata è l’unica città al mondo che ha come patrono San Guliano l’Ospitaliere) ma le testimonianze o se vogliamo le prove della sua reale figura storica si perdono nelle nebbie della storia e tutto è ancora in larga parte documentato come leggenda.

In questa foto, scattata nell’agosto del 2016 all’interno del Duomo di Macerata, possiamo ammirare una bella scultura lignea di San Giuliano L’Ospitaliere, realizzata dallo scultore Giuseppe Rumerio di Ortisei.

Statua lignea di San Giuliano l'Ospitaliere
Fotografo: Gianluca Storani | Data: 15 Agosto 2016 | Soggetto: Statua lignea di San Giuliano L’Ospitaliere | Luogo di scatto: Duomo di Macerata | Cod. 2-9823

✅ Puoi prelevare e utilizzare i lavori fotografici, videografici e letterari così come sono.
❌ Non puoi modificarli, tagliarli o alterarli in alcun modo, senza la mia autorizzazione.
❌ Non puoi utilizzarli in modi, ambienti o contesti che ledono l’immagine dell’autore.
❌ Non puoi utilizzarli per finalità commerciali o promozionali senza una regolare licenza.
ℹ️ Eventuali usi o abusi non concordati con l’autore saranno perseguiti a norma di legge.

Condividi:

Articoli simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *