La mia nuova borsa fotografica ‘da passeggio’

A distanza di un anno dall’ultimo aggiornamento sulla mia attrezzatura fotografica, è tempo di celebrare l’arrivo nella squadra di questa nuova borsa. Da tempo cercavo una via di mezzo tra lo zaino della Manfrotto (che utilizzo per il trekking) e il monospalla della Lowerpro (che utilizzo per uscite di media intensità). Un qualcosa di più pertinente alla città e al passeggio, quindi, anche bello a vedersi. Così quando ho visto apparire davanti ai miei occhi questo modello, l’ho preso al volo senza pensarci, e ne sono tutt’ora soddisfatto.

Benro Messenger Smart 30

Tra le caratteristiche di questa borsa che mi hanno convinto c’è la comoda apertura a zip posta proprio sulla sommità della stessa, così da permettere l’inserimento o l’estrazione della fotocamera in modo facile e veloce. Numerose poi sono le tasche che permettono di inserire praticamente qualsiasi cosa, dallo smartphone al tablet, dai piccoli accessori ai documenti. All’interno della borsa, testato personalmente, entra una mirrorless, un obiettivo da 300mm ed uno base, quindi tutto ciò che serve per un’uscita in città non troppo impegnativa. Se poi siamo nel pieno dell’estate e rinunciamo a portare uno dei due obiettivi, troveremo lo spazio necessario per trasportare anche un’irrinunciabile bottiglia di acqua fresca, come da foto.

La borsa in generale è pratica e robusta, e convince per eleganza, compattezza, versatilità e comodità. Certamente la consiglio per chi cerca stile e praticità in contesti non troppo impegnatiivi o comunque non esattamente operativi, come una passeggiata in città.

Condividi:

Articoli simili